LNR per i residui di farmaci veterinari in prodotti di origine animale

Responsabile: Paolo Stacchini

Istituto Superiore di Sanità
Viale Regina Elena 299 – 00161 – Roma (I)
Telefono: 06 4990 2533 – Fax: 06 4938 7101
mail: LNR.residui@iss.it

Website – Archivio

 

Il Ministero della Salute ha designato l’Istituto Superiore di Sanità come Laboratorio Nazionale di Riferimento (LNR) per i residui di farmaci veterinari in prodotti di origine animale, ai sensi degli artt. 100 e 101 del Reg. UE 625/2017 che prevedono la designazione dei Laboratori Nazionali di Riferimento (LNR) a supporto delle attività degli EURL (European Union Reference Laboratories) e ne definiscono i compiti.

Il LNR per i residui è inserito nel Sistema Gestione Qualità del DSANV, accreditato da ACCREDIA in conformità alla norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025 (accreditamento n. 0779). L’accreditamento è regolamentato da apposita convenzione ed è il riconoscimento della competenza tecnica del laboratorio ad effettuare specifiche prove (accreditamento per campo di accreditamento fisso) o tecniche di prova (accreditamento per campo di accreditamento flessibile), non implicando tuttavia responsabilità da parte di ACCREDIA per quanto riguarda i risultati delle prove o qualunque interpretazione che ne possa derivare.

I compiti definiti dal Regolamento dell’Unione Europea 625/2017 – art.101 sono:

a) collaborano con i laboratori di riferimento dell’Unione Europea e partecipano a corsi di formazione e a prove comparative interlaboratorio da essi organizzati;
b) coordinano le attività dei laboratori ufficiali designati ai sensi dell’articolo 37, paragrafo 1, al fine di armonizzare e migliorare i metodi di analisi, prova o diagnosi di laboratorio e il loro impiego;
c) se del caso, organizzano prove comparative interlaboratorio o prove valutative tra laboratori ufficiali, assicurano un debito follow-up di tali prove e comunicano alle autorità competenti i relativi risultati e follow-up;
d) assicurano la trasmissione alle autorità competenti e ai laboratori ufficiali delle informazioni fornite dai laboratori di riferimento dell’Unione Europea;
e) offrono, nell’ambito della loro missione, assistenza scientifica e tecnica alle autorità competenti per l’attuazione di PCNP di cui all’articolo 109 e di programmi di controllo coordinati adottati a norma dell’articolo 112;
f) se del caso, convalidano i reagenti e i lotti di reagenti, istituiscono e mantengono elenchi aggiornati delle sostanze e dei reagenti di riferimento disponibili e dei fabbricanti e fornitori di tali sostanze e reagenti;
g) se necessario svolgono corsi di formazione per il personale dei laboratori ufficiali designati ai sensi dell’articolo 37, paragrafo 1.

Contatti:
Maurizio Fiori – tel. 06 49903515 – maurizio.fiori@iss.it
Antonella Semeraro – tel. 06 49902457 – antonella.semeraro@iss.it
Paolo Stacchini – tel. 06 49902533 – paolo.stacchini@iss.it
Attività

Il LNR collabora con i diversi EURL attraverso la partecipazione a riunioni tecniche, lo scambio di informazioni scientifiche, la partecipazione a circuiti interlaboratorio al fine di verificare le metodologie analitiche impiegate.
Il LNR coordina le attività dei laboratori ufficiali responsabili dell’analisi dei campioni attraverso la organizzazione di incontri, gli scambi di informazionei e dati, il supporto alle Autorità competenti nell’assicurare la adeguatezza delle attività analitiche relative al controllo dei residui.
Il LNR ha definito un DATABASE per la gestione delle informazioni sui metodi di analisi utilizzati, accessibile agli utenti autorizzati nell’area riservata del SITO.
Il LNR organizza e/o promuove la partecipazione a test comparativi tra i laboratori nazionali ufficiali.
Il LNR trasmette le informazioni fornite dai laboratori comunitari di riferimento ai laboratori e alle Autorità di controllo attraverso il SITO e la casella di posta elettronica dedicata.
Il LNR fornisce assistenza scientifica e tecnica all’autorità competente per l’attuazione di piani di controllo coordinati, garantendo l’informazione sulle caratteristiche di prestazione dei metodi impiegati e collaborando alla individuazione delle priorità e dell’aggiornamento tecnico-scientifico.

Normativa Nazionale
Normativa Comunitaria – parte II (dal 2010)
Normativa Comunitaria – parte I (fino al 2010)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *